I 30 TITOLI DA RECOVERY

TREND DI BORSA/1

Entro un mese saranno presentati i progetti italiani per  usare il Recovery Plan e in estate arriveranno i primi fondi. Ecco quali titoli beneficeranno del sostegno europeo, secondo i gestori specializzati di Elena Dal Maso mentre il Ftse Mib si sta avvicinando ai massimi del 2020 pre-Covid, si stringono i tempi del Recovery Fund. Il progetto è in via di consegna all'Ue entro aprile e in estate dovrebbero arrivare i primi fondi. Ma quali sono le società che potrebbero beneficiare di più dei circa 200 miliardi destinati all'Italia? Questa liquidità permetterà al Ftse Mib di consolidare la ripresa e sfondare quota 25 mila?

.......Un'altra società da tenere sott'occhio è «Seri Industrial, su Mta, attiva nella produzione di batterie al litio e al piombo». C'è un piano già approvato dall'Ue per creare un polo dedicato alle batterie elettriche e Seri è stata scelta per realizzarlo nell'area ex Whirpool a Napoli. In cambio riceverà 550 milioni di finanziamenti a fondo perduto dall'Ue, in base all'avanzamento lavori. «Mancano solo i decreti attuativi del Mise»

Secondo Luigi De Bellis, co-responsabile Ufficio studi di Equita, «uno dei capitoli più rilevanti del Recovery Plan è rappresentato dalla transizione energetica e dalla rivoluzione verde. Il settore più coinvolto è quello delle utilities e delle energie rinnovabili, dove i titoli meglio posizionati sono Erg, Falck Renewables, Alerion, Enel, Terna, Snam, oltre a Prysmian per la produzione di cavi energia». De Bellis cita i nuovi impianti solari ed eolici e infrastrutture di rete (Terna sulla trasmissione/Enel sulla distribuzione), lo sviluppo dell'idrogeno (Snam), il sostegno alla ristrutturazione degli edifici ed efficientamento energetico, lo sviluppo dell'economia circolare e il trattamento dell'acqua (A2A, Iren, Acea, Hera, Aquafil). Una parte delle risorse dovrebbe andare ai progetti per la banda larga, dove fra i titoli più esposti l'esperto indica Telecom, Inwit, Prysmian, Sesa e Reply, Fineco, mentre sul tema Artificial Intelligence e Cybersecurity cita CY4gate. I progetti infrastrutturali sono importanti perché rappresentano un moltiplicatore del pil. In questo caso l'esperto chiama in causa Buzzi Unicem e WeBuild. Quanto all'indice Ftse Mib, I 30 titoli da Recovery COSI IN BORSA I TITOLI FAVORITI DAL RECOVERY PLAN Selezione in base alle indicazioni dei gestori interpellati da MF-Milano Finanza Titoli Var% inizio 2020 Titoli Var% inizio 2020 7,73 A3 * SERI INDUSTRIAL '" ' -20,74 0,YERN-A IIA -16,67 i 11,0N ARDO . FALCK RENEWMiLES' ------' 111 4lNWIT , * % da quotazione del 23/06/2020, ** % da quotazione del 29/12/2020 GRAFICA MFAILANO FINANZA Lorenzo Batacchi, portfolio manager di Bper Banca e membro Assiom Forex, ritiene che «per andare sopra 25mila punti abbiamo bisogno di un traino reale, più certezza su riaperture e ripartenza. In questo modo può iniziare a chiudersi il gap con l'Europa. Oggi l'Eurostoxx 50 ha un p/e atteso di 19, il Ftse Mib di 14,3». Titoli da tenere sott'occhio, secondo l'esperto, sono Telecom e il settore delle tic, dei cavi e delle infrastrutture, con Inwit, Prysmian e Buzzi. Ma anche l'area internet e l'organizzazione della pubblica amministrazione (Sesa, Tinexta). Per cavalcare il progetto più a lungo termine del green Ue possono essere indicati Snam (idrogeno) e Terna. Antonio Amendola, fund manager equity Italia ed Europa di AcomeA sgr, ritiene che la cabina di regia della cyber security italiana sarà gestita da Leonardo. Fra i titoli da inserire nel portafoglio da Recovery, Webuild e Buzzi nel settore delle costruzioni, Telecom e Inwit. Fra le mid and small cap, Amedola individua «Fos, un operatore che si occupa di progetti It e tra l'altro ha fornito al nuovo ponte di Genova sensori per monitorare le oscillazioni. Da affiancare a Tesmec (gruppo dello Star che progetta soluzioni per la costruzione e trasporto e di energia), Openjobmetis (somministrazione di lavoro) e Sesa (It per le imprese)». La lista continua con Convergenze, società che realizza infrastrutture di fibra in Sud Italia. Secondo Amendola il Ftse Mib (24.710) a questi livelli è sostenibile, dal momento che l'Italia si trova in una condizione particolarmente positiva «perché il rischio economico è cristallizzato fra gli acquisti della Bce e i regolamenti generali sospesi, mentre il rischio politico per ora è stato allontanato dal governo Draghi. Il Paese è percepito al centro dell'Europa con un governo stabile guidato da un premier apprezzato anche all'estero, in un momento in cui emerge un vuoto di leadership, fra Merkel in uscita e le elezioni in Francia nel 2022 che vedono Macron debole». In tal senso l'equity risk premium, il premio sugli investimenti risk free che gli investitori chiedono quando entrano in un Paese, oggi è al 6,85% per l'Italia, in linea con il Portogallo e poco sopra il 6,25% della Spagna. Ma dovrebbe allinearsi al 5,2% della Francia. Questo comporta, prosegue Amendola, un meccanismo di re-rating delle nostre società. Andrea Scauri, gestore azionario Italia di Lemanik, oltre a Telecom, cita «Danieli, leader mondiale nella produzione di acciaierie con tecnologia innovativa in grado di ridurre le emissioni di anidride carbonica. Basti pensare che lo Stato deve sostituire gli impianti vecchi dell'Ilva con una tecnologia pulita. Un contratto ricco, da oltre 3-4 miliardi, per il quale Danieli ha tutte le specifiche tecniche necessarie». Nell'ambito delle costruzioni, Scauri suggerisce Webuild e Buzzi, quest'ultima può beneficiare negli Usa del progetto di rilancio appena presentato dal presidente Biden. Un'altra società da tenere sott'occhio è «Seri Industrial, su Mta, attiva nella produzione di batterie al litio e al piombo». C'è un piano già approvato dall'Ue per creare un polo dedicato alle batterie elettriche e Seri è stata scelta per realizzarlo nell'area ex Whirpool a Napoli. In cambio riceverà 550 milioni di finanziamenti a fondo perduto dall'Ue, in base all'avanzamento lavori. «Mancano solo i decreti attuativi del Mise», conclude Scauri. (riproduzione riservata) Quotazioni, altre news e analisi su www.milanofinanzadt/recovely


SERI INDUSTRIAL S.p.A. · via Provinciale per Gioia, Centro Az. Quercete snc – 81016 San Potito Sannitico (CE) · P.I. 11243300156 REA CE 314821

C.F. 01008580993 · Capitale sociale Euro 95.065.680,03 i.v.